Irrigazione a goccia, i vantaggi nell uso della coltura delle patate

ala gocciolante su campo

Gal Italia, irrigazione a goccia, perché usarla su patate?

Gal Italia, leader nell’irrigazione e nella filtrazione, spiega i segreti e le tecniche consigliate per gli impianti.
I miglioramenti su calibro e rese generati dall’irrigazione a goccia fatta dalla Gal Italia

Da decenni Gal Italia propone l’utilizzo dell’irrigazione a goccia su patata, riscuotendo grande successo.

L’irrigazione a goccia permette di incrementare le rese, aiuta a prevenire la spaccatura del tubero e le malformazioni garantendo allo stesso tempo peso maggiore ed una migliore omogeneità di calibro: che rendere il prodotto di più alto valore sul mercato.

Patata, l’irrigazione a goccia aumenta la qualità e il valore del prodotto.

L’irrigazione a goccia sulla patata permette di ottenere il massimo risultato in termini di ingrossamento del prodotto.

La corretta disponibilità idrica permetta al tubero uno sviluppo ottimale rendendo la patata coltivata con irrigazione a goccia un prodotto da collocare nelle fasce alte del mercato.
L’irrigazione è, a tutti gli effetti, un fattore chiave della gestione agronomica della coltura da tubero.

I prodotti consigliati da Galitalia per l’irrigazione a goccia della patata sono le ali gocciolanti Azud posizionate sul colmoaffiancate alla pianta e talvolta rincalzate alla sarchiatura.
Le distanze tra i gocciolatori variano, in accordo alle caratteristiche del terreno, tra 50 e 30 centimetri con portate da 0.8 a 1.6 litro/ora.

I risultati mostrano che con maggiore sostanza secca il contenuto in zuccheri riduttori non varia per effetto degli apporti irrigui in nessuna fase all’interno di uno spazio temporale di conservazione pari a 16 settimane; se a ciò si aggiunge l effetto positivo sulla pezzatura e sull’omogeneità di calibro, ecco che l’irrigazione, quella a goccia nello specifico, si conferma come pratica colturale in grado di migliorare concretamente il prodotto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn